Memoria a gruviera

Fitness Brain Durante la giornata compiamo tante azioni , in modo meccanico e senza neanche doverci pensare sopra: inseriamo il codice del bancomat, scegliamo la chiave giusta per aprire la porta di casa e digitiamo la password del computer.

Sono azioni talmente frequenti e ripetitive che difficilmente potremmo sbagliare .

O almeno questo accadrebbe ad una persona normale e, quindi, non accade a me !

Ho un telefono a tastiera in ufficio. Ce l’ho da circa 5 anni e ogni volta che devo chiamare un cellulare devo anteporre un codice di 4 cifre.

A volte mi capita di utilizzarlo per fare una chiamata e, subito dopo, di avere l’esigenza di digitarlo nuovamente per farne un’altra ma lui … PUFF! è sparito dalla mia memoria!

Ma è peggio ancora quando non solo non ricordo più il codice ma anche il numero di cellulare che volevo chiamare e che magari compongo diverse volte al giorno …
PUFF! e la mia memoria telefonica è formattata

Ma andiamo avanti …

Ho un mazzo con 4 chiavi : due aprono le porte di due stanza diverse dell’ufficio. Due sono di casa: portoncino, quella piccola con disegnato sopra Homer , e casa quella più grossa e lunga.

Perchè a volte mi accanisco a tentare di aprire il portoncino con quella della porta e viceversa ? Per non parlare di quella volta che ho provato ad aprire la porta dell’ascensore con la chiave di casa … e nella porta dell’ascensore non c’è neanche la toppa !

Ma procediamo oltre …

La macchina … la macchina è la mia punizione divina in questa vita per i grossi gli enormi peccati commessi in qualche esistenza precedente .

La mattina, per trovarla, mi faccio almeno due volte tutta la via dove abito e, alcune volte, anche le parallele. Poi la trovo e, spesso, è proprio parcheggiata sotto casa solo che, al momento in cui passavo, probabilmente era nascosta da un’altra auto in doppia fila.

Non mi ricordo ... di cosa ?

E concludiamo con …

Spesso mi porto in ufficio qualcosa che mi potrebbe servire durante la giornata : un hd esterno, la maglietta di Pooh , due scatole di Bombe di Maradona , la bambola gonfiale per i momenti di relax . In genere, la sera prima, lascio l’oggetto da portare bene in vista e vicino a cose che difficilmente potrei dimenticare: flj senza la quale i rigori del clima farebbero manbassa delle mie povere carni , le chiavi della macchina, una valigetta di banconote di piccolo taglio , ecc. A volte arrivo anche ad arrotolare flj intorno all’oggetto che non voglio dimenticare ma poi … poi incomincio a fare tardi e mi metto a fare le cose di corsa e così il mio piano geniale fallisce miseramente!

Srotolo velocemente flj non accorgendomi dell’oggetto del desiderio che, nel frattempo, cade a terra e corro in strada a cercare l’auto che, ovviamente, è parcheggiata sotto casa ma nascosta alla mia vista. Dopo 3 frenetici giri del quartiere finalmente la trovo ma, contemporaneamente, mi ricordo dell’oggetto dimenticato e tento di chiamare qualche abitante della casa per farmelo portare giù.

Peccato che il criceto è in uno dei suoi momenti di assenza e così non ricordo il pin del telefono costringendomi a tornare su. Dopo aver provato diverse chiavi per per aprire il portoncino d’ingresso riesco, finalmente, a entrare in casa, a recuperare l’oggetto del desiderio e, finalmente, a tornare giù dove, appena arrivato in strada, mi accorgo di essermi dimenticato nuovamente dove è parcheggiata la macchina

Ma … di che stavamo parlando ?