Quest’anno Francesco e Biosfera ci portano a vedere i Gorilla!

Si è vero, l’ho sempre detto e continuerò a dirlo: i viaggi organizzati non sono per me e credo di non averne mai fatto nessuno con un accompagnatore ma per andare a vedere i Gorilla nel loro habitat naturale quello di affidarci a Biosfera è stata sicuramente la scelta migliore.

E, badate bene, sto scrivendo tutto questo come atto di fiducia perché il viaggio è appena iniziato!

Ho preso da Francesco “in prestito” la mappa dei posti che andremo a visitare:

E citando il loro sito internet i michettinini pelosi e non che vedremo saranno veramente tanti:

Itinerario naturalistico guidato nell’unica destinazione “da safari” che consente un accesso facile alle foreste pluviali africane, dagli ecosistemi di tipo congolese (Semuliki) agli ambienti afro-montani, passando per le savane alluvionali dove i Leoni riposano sugli alberi. L’incontro con i grandi primati (Gorilla di montagna e Scimpanzé) è certamente un’esperienza unica.

  • I Gorilla di Montagna: sulle tracce della Fossey
  • La regione dei Virunga e i Monti della Luna
  • La foresta impenetrabile di Bwindi, scrigno di biodiversità
  • La foresta pluviale di Kibale e gli Scimpanzé, i nostri parenti piu’ prossimi
  • Semliki: La foresta del bacino del Congo; il ritorno del rinoceronte bianco a Ziwa (opzionale)
  • Le piane alluvionali del Queen Elizabeth N.P., i Kob ugandesi e i leoni sugli alberi
  • Culture millenarie in pericolo: i pigmei Ba’mbuti e i BaTwa
  • Le Cascate del Nilo, la fauna delle savane (leoni, elefanti di foresta, bufali, giraffe etc.)
  • Il paradiso dei birdwatchers (la destinazione più “biodiversa” del vecchio mondo)

Anche la foto del Gorilla non è, ovviamente, mia: devo ancora tornare e sistemare quelle che avrò scattato ma vi prometto un cospicuo reportage con dovizia (asfissiante) di particolari!

Kuona hivi karibuni!

(che secondo Google dovrebbe voler dire “A presto!” in swahili!)