Il Ritorno del Divoratore di Paella 1


Sagrada Família

Sagrada Família

Una delle prime volte che andammo a Barcellona alloggiammo in un posto stranissimo trovato attraverso il consiglio di un utente di uno dei forum del sito di Zingarate. Si trattava di un albergo che occupava due piani di un palazzo nel centro del quartiere gay della città. Il palazzo ospitava originariamente una serie di appartamenti e a seguito della sua trasformazione in albergo la sua fisionomia non era cambiata. La reception era nel salone di uno degli appartamenti presenti al primo piano dell’albergo e le stanze coincidevano con le altre stanze dell’ex appartamento e quindi avevano tutte dimensioni diverse. Al loro interno erano ben arredate ma l’impressione complessiva era quella di dormire a casa di qualcuno come ospite. La cosa se da un lato ti faceva sentire un pò più a casa, dall’altro, sminuendo il tuo status di ospite pagante, limitava in parte la tua libertà.

A breve dovrò tornare per lavoro in questa splendida città. Una serie di riunioni, agli inizi della prima settimana di Marzo, mi permetteranno di gustare nuovamente alcuni dei piatti che mi sono rimasti nel cuore e, ahimè, nella fascia lombare!

Approfittando del fatto che le riunioni si terranno all’inizio della settimana partirò probabilmente qualche giorno prima per girare la città con un pò di tranquillità. Questa volta niente albergo ricavato da una serie di appartamenti ma lascerò fare all’ufficio per farmi prenotare una bella stanza cercando tra le varie soluzioni presenti a questa pagina.

Cercherò, comunque, di rimanere dalle parti del quartiere gay. Barcellona é nota per la sua vita notturna, a mio avviso molto di più di quanto lo sia Madrid, e il cuore del divertimento é molto probabilmente la zona gay-lesbo della città dove si concentrano un gran numero di locali per tutti i gusti.

Non avendo tantissimo tempo dovrò concentrare le visite turistiche ai posti più belli e significativi della città e, tra questi, sicuramente la Sagrada FamíliaW della quale sono curioso di scoprire se la costruzione é proceduta. Certo questo vorrebbe dire che mi dovrei ricordare a che punto fosse nel 2004, quando l’ho visitata l’ultima volta, e conoscendo i limiti della mia memoria direi fin da adesso che mi sarà impossibile capire alcunché di questa cosa!

Ma voi rimanete sintonizzati, qualche fotina ci scapperà di sicuro!


Se vuoi dire la tua ... DILLA!

Un commento su “Il Ritorno del Divoratore di Paella