Parola di MadGrin

State cercando la verità? Provate sotto il tappeto del salone …

Prossima fermata, Cairo. Uscita lato destro

Piramidi egiziane Per i 60 anni dell’Alitalia la compagnia di bandiera ha permesso ai suoi dipendenti di acquistare un carnet di biglietti a 60€ l’uno da usare per volare su alcune delle tratte da lei servite.

Il biglietto non ti assicura un posto ma ti consente di metterti in stand-by e volare solo se ci sono posti liberi sull’aereo.

Le tratte che si possono scegliere devono essere quelle servite direttamente dall’Alitalia e non sono neanche tutte: il Giappone, per esempio, non rientra tra le scelte effettuabili (mannaggia alla miseriaccia …).

Perchè tutto questo lungo e noioso prologo?

Beh la mia carissima amica Stefy mi ha procurato uno dei suddetti biglietti e quindi, quando starete leggendo questo post, sarò già al Cairo

oppure in una bara di metallo sul fondo dell’Oceano !

Il Cairo - Egitto

Il bagaglio è minimale , veramente lo devo ancora fare e al solito mi organizzerò negli ultimi minuti dimenticando le cose essenziali . Ovviamente mentre voi starete leggendo questi miei pensieri tutto ciò sarà già accaduto e io starò urlando la mia rabbia in lingue ignote mentre stuoli di egiziani scapperanno via pensando che io sia Posseduto dalla Legione .

Oltre all’immancabile Nikon D50 , grazie alla quale potrò sommergere flickr e Parola di MadGrin di foto inutili, non mi farò mancare il piccolo kit di soccorso del bevitore di acqua avariata e consistente di:

  • una buona dose di Dissenten o Imodium
  • due limoni grossi dalla buccia ruvida
  • 20 pacchetti di salviettine umidificate
  • boxer di plastica con elastici contenitivi alle cosce modello: strappa e lancia quando sono pieni

Giza Plateau - Egitto

Il programma (soggetto a cambiamenti in base alla disponibilità dei voli dell’Alitalia) prevede il ritorno giovedì sera e un salto a Luxor verso il martedì con lo sleepingtrains , il treno che viaggia di notte e che ci scaricherà, all’alba, nel nulla abbandonandoci al nostro triste destino.

Piramide di Menkaure - Egitto

Le foto che vedete non sono, ovviamente mie, ma di tale Joanot che ho trovato su flickr . Altre foto sull’Egitto di vari autori le potete trovare qui .

Previous

Cartonizziamo i nostri faccioni

Next

Alla vostra destra la Sfinge, 10 pound grazie!

4 Comments

  1. 😯 ricordati: il paracadute , lo spazzolino, il ghiaccio da tenere in luogo caldo, un po’ di carta igienica che li non ce n’è (la usano tutta sulle mummie). Spero di aver fatto in tempo

  2. Nooooo! Ma stai sempre in vacanzaaaaaa? Ma quando lavoriiiii??? Beato te! Ahahahahah! (risata isterica)

  3. Simy

    ora che siamo tornati salvi ma nn tanto sani posso solo commentare così aspettando che mad grin racconti la ns avventura……….. TEN BOUNDS!!!!!! 😯

  4. @ Sgarro : mi ero dimenticato la carta igienica per fortuna che al Museo Egizio lasciano le Mummie abbandonate in giro …

    @ Nemo : qui in ufficio dicono che quando non ci sono la produttività media è più alta così spesso mi spediscono in vacanza …

    @ Simy: a little tip, thanks!

Se vuoi dire la tua ... DILLA!

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: